Localtunnel permette per esempio di rendere accessibile una Web App installata localmente anche da altri utenti che non siano connessi alla medesima rete locale. Si tratta quindi di una soluzione che consente di bypassare i servizi di storage online e di limitare i costi correlati alla creazione dell'ambiente di testing.

Localtunnel funziona grazie a NodeJS. Su Ubuntu, ad esempio, basterà lanciare il seguente comando da terminale:

sudo apt-get install nodejs npm

Fatto questo potremo installare Localtunnel:

sudo npm install -g localtunnel

Finito il processo di installazione possiamo far sì che il nostro sistema sia raggiungibile anche da remoto. Ad esempio, se il nostro sistema lavora sulla porta 80 la nostra istruzione sarà:

lt --port 80

Modificate quindi la porta a seconda della vostra configurazione, se tutto dovesse andare a buon fine dovreste ottenere un output simile a questo:

your url is: https://gczjxjqvuc.localtunnel.me

Questo URL resterà valido per tutta la sessione di lavoro, dunque finché non eseguirete un reboot del sistema sarà sempre pronto per accogliere nuovi accessi. Sarà anche possibile usare un subdomain cosi da ricordare più facilmente l'URL generata, ad esempio:

$ lt --port 80 --subdomain test
your url is: https://test.localtunnel.me

Sarà dunque possibile condividere questo link con i propri contatti cosi da eseguire test o dimostrazioni sul funzionamento della propria Web application.

Via Localtunnel

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *