Si tratta in sostanza di un nuovo firmware, il team che si occupa della sua implementazione ha ufficializzato il supporto solo per il Nexus 5 e Nexus 7 2013 WIFI. Per provare Maru OS sarà dunque necessario eseguire un factory reset del proprio device e flashare la nuova Rom, sulla pagina di Github del progetto è disponile una guida dettagliata su come installare il nuovo sistema.

maru_webdev.f8a3a356

La "versione mobile" di Maru OS è basata su Android "Marshmallow" e, una volta flashata, si avvierà senza la necessità di istallare applicazioni aggiuntive, in modo del tutto simile ad Android stock. Una volta connesso ad un monitor il proprio device tramite un cavo HDMI lo smartphone entrerà in modalità Desktop proponendoci una versione di Debian personalizzata.

feature_productivity.388ead8e

Avremo quindi a disposizione tutti i classici tool di una distribuzione Linux, da questo punto di vista Maru OS rappresenta un'idea simile ad altri progetti, primo tra tutti un Ubuntu Touch ormai definitivamente in fase di dismissione. Quindi il target del team di sviluppo è una nicchia di utenti ben definita che necessita di un sistema tascabile per la massima operatività.

Tuttavia Maru OS potrebbe rivelarsi utile anche a coloro che utilizzano un normale PC a casa o in ufficio, infatti se possedete un vecchio Nexus 5 o un Nexus 7 che tenete nel cassetto potreste mettere alla prova Maru OS, anche solo per curiosità, in modo da avere un sistema di backup subito pronto all'uso in caso di necessità.

Via Maru OS

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

L'idea non è simile a Ubuntu touch, l'obiettivo è comune: avere a disposizione un unico device che può utilizzare uno schermo esterno e mettere a disposizione degli utenti sofware in modalità desktop. MaruOS lo fa caricando un secondo sistema operativo e condividendo alcune componenti del sistema. Ubuntu Touch lo faceva come unico sistema operativo con un'interfaccia adattiva e l'idea di base era di ridisegnare tutte le interfacce dei software per avere diverse esperienze di uso per differenti grandezze degli schermi senza cambiare software o senza interruzione del lavoro. Insomma qualcosa di molto più avanzato e visionario. Spero lo riprendano in mano tra qualche anno perché è stato uno dei migliori progetti per anni, anche se abbandonato per questioni economiche.

test
test