Si tratta quindi di un progetto che è stato ideato inizialmente per risiedere all'interno di Kwin, tuttavia dopo la release di Plasma 5.0 decine di developer di KDE hanno iniziato a lavorare su Wayland. Gräßlin ha dunque deciso di scindere KWayland da Kwin in modo da avere un maggior controllo sull'implementazione di KWayland, ciò anche per evitare di duplicare API e librerie tra i team di sviluppo interni di Plasma, .

Cosi facendo gli sviluppatori hanno avuto la possibilità di apportare modifiche e aggiornamenti a KWayland senza intaccare la stabilità di Kwin. Ora, opo più di un anno di lavoro, il team ha finalmente reso stabile e usabile KWayland e ha dunque deciso di inserirlo all'interno di KDE Frameworks 5.22, ovvero il contenitore di tutte le librerie e tool sviluppate dal progetto.

Da questo momento in poi gli utenti Plasma avranno un supporto a Wayland integrato direttamente all'interno di Plasma e dunque più completo rispetto al passato. A tal proposito Gräßlin afferma che nel caso specifico non si tratta di un sostituto di QtWayland ma di una sua alternativa che incrementa il livello di flessibilità del progetto.

Via Martin Gräßlin

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *