RMS GNU/Linux-Libre al contrario rispetta la filosofia GNU. Nasce come clone di Slax e quindi eredita indirettamente tutto il lavoro che viene fatto per una Slackware (ndr visto che Slax è una distribuzione derivata da Slackware). RMS GNU/Linux-Libre elimina da Slax tutto il software proprietario, quello chiuso, quello coperto da licenza, tutti i "binary blobs", e questo a partire dal kernel Linux fino all´ultimo, piccolo "granellino di software".

RMS GNU/Linux-Libre è una distribuzione portabile. Può essere installata su una penna USB. Supporta la funzionalità di persistenza, quindi i dati salvati verranno archiviati sulla penna USB. Al pari di Slax è abbastanza modulare, i pacchetti software una volta scaricati e installati possono essere attivati o disattivati a seconda delle esigenze.

Il kernel Linux supportato è il 2.6.27.42 del progetto Linux-Libre. Fanno parte del sistema anche i pacchetti GNU Icecat, KDE 3.4, SDL 1.2.14, GNU Nano 2.2.2, Geany 0.18, PERL 5.10.1, Python 2.6.4, Ruby 1.9.1, e Irssi 0.8.14.

Dimenticavamo! L´acronimo RMS sta per "Richard Matthew Stallman".

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *