Che ci piaccia o no, i colori non sono solo un fattore estetico. Il colore è una sorta di cacciavite che ti entra nella testa e avvita o svita certe parti, in funzione della frequenza delle onde elettromagnetiche che colpiscono la nostra retina.

Ci piace poco pensare al fatto che certi contesti psicologici siano corrispondenti a certi colori, ma ormai è studiato da decenni e comunemente accettato dalla comunità  scientifica.

Quando scegliamo il colore dominante di un sito, stiamo operando un vero e proprio accesso alla mente altrui.

Il blu è il colore della calma, della tranquillità , della serenità , della rilassatezza. Non per nulla, gli psicologi infantili suggeriscono tale colore per le camerette dei bambini e negli ospedali. Attenzione, però, che non deve essere mai il colore dominante per chi è affetto da depressione. Il motivo credo sia evidente.

Il verde, simbolo universale del prato, è il colore del movimento, dellÂ’eccitazione, del dinamismo. Vai, significa.

Il rosso, colore della passione, dello sport, del calore, del forte, è come un coltello. Puà recidere un male, ma può ferire a morte.

Il viola è il colore che porta “iella”. Molti non uscirebbero mai con una camicia viola e tanto meno. Conosco persone che non vorrebbero mai avere le viole in casa, solo per questo (per quanto, siano fiori bellissimi).

Non pretendo di essere esaustivo, ci vuol ben altro che un post. Quello che vorrei, invece, è capire se voi vi siete mai preoccupati di cià o no. Come li scegliete i colori?

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
20 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

[...] Sto sistemando, con molta calma, tutte le opzioni di WordPress e quindi modificando il template a mio uso e consumo. Il problema vero sono i colori: sono indeciso. Mi sono informato e ho letto la “Teoria del Colore”; i dubbi sono aumentati. Vorrei scegliere colori non troppo vivaci ma che possano rispecchiare l’anima di questo blog. Blu e Rosso non mi piacciono e sono propenso per una combinazione di verde ed arancione: la tranquillità  del verde con l’esplosione dell’arancione. Qualche suggerimento? [...]

Maledetti colori!! - Samuele Silva
Maledetti colori!! - Samuele Silva

sono convinto che con i colori, bisogna fare attenzione, ed in particolar modo per il web, in primis per l'accessibilità  dei contenuti a tutti indistintamente, (vedi: Tagliaerbe) ed infine con i colori esprimiamo tutta una gamma di significati: se nel vestirci abiniamo i colori al nostro stato d'animo, nel web non possiamo cambiarci d'abito tanto spesso, é come essere vstiti con lo stesso vestito (che noi consideriamo quello bello, da festa) per molti ma molti mesi se non anni.

Vigilenapoletano
Vigilenapoletano

L'argomento andrebbe affrontato con parsimonia. Per gli interessati un link interessante e 'pratico é questo http://www.smartpixel.net/chromoweb/uks/indexgb.html

david
david

Non capisco perché ci si stupisca che il colore sia importantissimo, ma da dove é nata la comunicazione visiva? Avete mai visto in Italia il packaging di una mozzarella di color arancione?

Dar1one
Dar1one

Al di là  degli aspetti tecnici e delle differenze tra web e gli altri media, io non capisco perché la gente si stupisca che il colore sia importantissimo della comunicazione visuale, e non é Mai sottovalutabile, gaurdate da dove é nata la comunicazione pubblicitaria! Avete mai visto il packaging di una mozzarella color arancione?

Dar1one
Dar1one

Da cui la linea guida dell'accessibilità  di non veicolare informazioni solo tramite colori ^^

Andrea Paiola
Andrea Paiola

@Tagliaerbe Eccoci, qui casca l'asino. A maggior ragione occorre tenere presente l'importanza dei colori, fosse anche per evitare che certi messaggi trasferiti con gli stessi, non siano "vedibili" da tutti. Da cui... la comunicazione su web deve essere sempre ridondata su più canali.

fradefra
fradefra

Ogni volta che leggo un post sui colori, lo scorro sempre attentamente... poi mi ricordo di essere daltonico (non é una battuta :-)), come circa l'8% circa dei maschi e lo 0,4% delle femmine. Quindi, quando disegnate un sito, pensate anche a noi, che non cogliamo certe sofisticate sfumature cromatiche... alla fine siam pure sempre il 10% della popolazione web :-)

Tagliaerbe
Tagliaerbe

Pensa ai milioni di visitatori.
Sul Web, pensare a volte fa male ^_________________^

Cheope
Cheope

Vorrei fare un precisazione. Il post non vuole indicare quali siano i colori giusti per certi schemi. Vuol evidenziare come sia importante tenere presente che i colori hanno certi effetti. Alex, non pensare a te. Pensa ai milioni di visitatori. Io conosco personalmente persone che non uscirebbero con me, se avessi una camicia viola (perché porta iella, appunto) e che escono istantaneamente da un sito, se questo ha il viola come colore dominante. E se non escono, partono già  con una visione negativa. Sono d'accordo sul fatto che ovviamente tutte le teorie dei colori sul web vanno riviste, l'importante é studiarci attorno e non pensare che siano solo una cosa estetica. Poi ognuno é libero di crederci o no :-) e di fare quello che gli pare, chiaramente. Alla psicologia si può non dar credito, naturalmente, come alcuni non credono alla nostra aritmetica, altri non credono alla medicina, ecc. Però quello che conta é cosa pensano gli altri, non quello che pensiamo noi. Il nero, ad esempio, piace a pochi. Ci sono tante persone che su un sito scritto in bianco su sfondo nero si troverebbero male (e non parlo di leggibilità ). C'é come un senso di rifiuto, una sorta di malessere generale che ti porta ad aver voglia di uscire, senza sapere perché. Adesso qui non dobbiamo stabilire se é giusto o sbagliato. Dobbiamo invece prendere atto del fatto che é così e decidere se vogliamo perderci questi visitatori o no. Ovviamente il tutto sulla base di una ricerca con numeri, metodo ecc ecc, non certo perché lo dico io.

fradefra
fradefra