Mozjpeg 2.0 è stato implementato con l'obiettivo di ridurre in modo rilevante i tempi necessari per il caricamento delle pagine Web e delle risorse presenti all'interno di esse, ciò allo scopo di garantire una migliore user experience nella navigazione di siti Internet che ospitano immagini e, nello stesso tempo, di salvaguardare la qualità del rendering cercando di non impoverire visibilmente gli elementi grafici dal punto di vista qualitativo.

Secondo quanto dichiarato dagli stessi sviluppatori della Foundation in seguito ai test effettuati prima del rilascio della nuova versione, attualmente l'econder mozjpeg sarebbe in grado di ridurre le dimensioni di progressive e baseline JPEG in media di 5 punti percentuali, in alcuni casi però le immagini avrebbero registrato riduzioni ancora più rilevanti.

Mozjpeg nasce anche come soluzione alternativa ad alti formati aperti per la compressione delle immagini destinate alla pubblicazione sul Web, come per esempio il progetto WebP sviluppato in seno a Mountain View sulla base del codec video VP8; in sostanza Mozilla riterrebbe eccessivamente costosa e tutt'altro che indolore l'introduzione di un nuovo formato, mentre il miglioramento di una soluzione già in uso come JPEG potrebbe rivelarsi ottimale.

E' inoltre da sottolineare inoltre che il progetto Mozjpeg ha travato anche il sostegno di un gruppo finanziariamente importante Facebook, il cui board ha deciso di donare 60 mila dollari per contribuire allo sviluppo di questa tecnologia.

Via Mozilla

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *