I due principali progetti che in passato hanno provato ad avvicinare una distribuzione GNU/Linux, così come il suo modello di sviluppo e digestione del sistema, al mercato mobile sono Openmoko e Ubuntu Phone. Entrambi progetti morti e sepolti da tempo.

Openmoko non ha mai preso piede anche perché non è riuscito ad ottenere il supporto dei principali operatori telefonici né dei produttori di dispositivi mobili. Inoltre le feature di Openmoko erano veramente inefficienti e non adatte al pubblico dell'epoca.

Il progetto di Canonical aveva invece delle grandi potenzialità. Godeva infatti del supporto di varie aziende del settore e aveva commercializzato alcuni modelli. Tuttavia Ubuntu Phone si è scontrato direttamente con Android e iOS, due sistemi già maturi e ormai dominanti con migliaia di applicazioni disponibili ed un'esperienza utente ormai solida.

Il progetto soffriva inoltre di tempi di sviluppo estremamente lenti rispetto ai concorrenti e il parco di applicazioni disponibili, per quanto vasto, non era ai livelli della controparte Android/iOS. Senza contare che da anni gli sviluppatori si erano impegnati nella transizione da X11 a Mir rendendo la vita difficile ai developer di terze parti.

Dalle ceneri di questi due progetti è nato postmarketOS. La community è ancora agli inizi ma il progetto promette di raccogliere la sfida di portare una "vera" distribuzioni Linux nel mercato mobile.

Via Datamation

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *