Innanzitutto, per chi non lo sapesse, definiamo la monetizzazione di YouTube. Infatti da un po' di tempo chiunque abbia un proprio canale YouTube può attivare la cosiddetta "monetizzazione" per guadagnare concedendo alla piattaforma il permesso di pubblicare pubblicità sul video (con gli spot in avvio, i banner in sovraimpressione, gli annunci a lato..).

Ebbene, dovete sapere che non tutti i video sono adatti per poter ospitare la pubblicità di YouTube. Anzi, a dire il vero nemmeno tutti i video possono essere pubblicati su YouTube: infatti ci sono delle precise policy che determinano i requisiti (ferrei) che deve avere un contenuto. Quindi esistono video che si possono pubblicare, e video che invece non si possono pubblicare. Tra quelli che si possono caricare esistono poi quelli sui quali è possibile attivare la monetizzazione, e quelli su cui la monetizzazione non è accettata (infatti questa si può impostare o non impostare su ciascun video).

Purtroppo fino a poco tempo fa i requisiti che un video doveva avere per poter essere monetizzato erano di fatto sconosciuti (o, comunque, non li si conoscevano tutti). YouTube aveva pertanto l'abitudine di togliere la monetizzazione dei video privi dei requisiti solo dopo la pubblicazione. Il punto chiave è che quando toglieva la monetizzazione (o "demonetizzava") non lo notificava al proprietario del canale che, spesso, nemmeno se ne accorgeva.

Quindi il video veniva caricato, pubblicato, gli si attivava la monetizzazione e poi, dopo qualche tempo, YouTube la toglieva ma senza segnalarlo (ci si poteva accorgere della demonetizzazione solo andando a controllare la scheda del video sulla gestione video del proprio canale).

A partire dalla scorsa settimana invece YouTube ha iniziato a segnalare la demonetizzazione dei video ai proprietari dei canali quando questa si verifica. Quindi le regole non sono cambiate, ma è cambiato il sistema di notifica (che prima, semplicemente, non c'era). Ed ecco così che dalla scorsa settimana sono iniziate ad arrivare migliaia e migliaia di notifiche di demonetizzazione, facendo credere che si fosse verificato un cambio nelle regole! Prima, semplicemente, nessuno se ne accorgeva... ;-)

In realtà pare che la demonetizzazione riguardi solo un numero limitato di video (in percentuale), ma visto che su YouTube viene caricata una quantità industriale di filmati in ogni istante, sebbene questa percentuale sia bassa (si stima l'1%) il numero totale di notifiche è comunque elevato.

L'altra novità è che, ora, quando si riceve una notifica di demonetizzazione per un video si può richiedere una verifica manuale a YouTube per farsi riattivare la monetizzazione nel caso la demonetizzazione sia ingiustificata (YouTube usa spesso degli algoritmi che possono generare falsi positivi).

Via Internet Creators Guild

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

mi meraviglio delle compagnie che investono in pubblicitá su youtube...ma non si rendono conto che la maggioranza dei canali sono dei bimbiminkia che giocavo ai giochini????cosa vuoi che gliene freghi delle pubblicitá sulle autovetture, sui viaggi, sui motori?? hanno si e no l'etá per soffiarsi il naso...che bolla che deve scoppiare e tutti sti cinnetti che speculano su sti poveri bambini, devono andare a lavorare e produrre, altro che speculare su internet facendo video mentre giocano ai videogames?? ma stiamo scherzando??? mi meraviglia veramente gli introiti che Google spartisce con sti inutiloni... a lavorare altro che, a contribuire all'economia altro che in casa a giocare ai videogames sfigati.

gianluca
gianluca