Secondo quanto riportato nell'annuncio tra le nuove funzionalità  supportate da Chrome dovrebbero essere incluse:

  • mappe ed insiemi semplificati, che dovrebbero eliminare la necessità  di utilizzare gli oggetti come dizionari;
  • weak maps, un tipo speciale di mappa per la quale il garbage collector è in grado di determinare se una chiave non dovesse essere più raggiungibile;
  • proxies, che simulano un oggetto o una funzione JavaScript e possono personalizzare ogni aspetto del loro comportamento.

Il supporto di tali funzionalità  richiede l'installazione della versione dev-channel di Chrome ed è ancora in fase sperimentale. Per poterlo sperimentare è necessario attivare il flag "Experimental JavaScript features" nella pagina chrome://flags.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *