Java EE, in precedenza chiamato anche Java 2 Platform, è una computing platform per lo sviluppo ed il deployment di enterprise software (principalmente applicazioni per il networkorking e web services). Tale piattaforma usa ovviamente l'object-oriented Java programming language e fornisce agli sviluppatori un set di API per lavorare con programmi di mapping object-relational, architetture distribuite e servizi Web.

In questa prima fase Oracle e i suoi partner commerciali forniranno tutto il supporto necessario alla Eclipse Foundation perché la transizione sia quanto più indolore possibile. L'obbiettivo del passaggio di consegne è in pratica quello di creare i presupposti per proseguire l'implementazione della piattaforma e per un ulteriore crescita della community di Java EE.

Mike Milinkovich, executive director della Eclipse Foundation, si è detto particolarmente ottimista riguardo a questa iniziativa, secondo la sua opinione quanto deciso è quello che serve alla comunità che gravita intorno alle soluzioni Java Enterprise. Il modello open source ha più volte dimostrato le sue potenzialità e questa è sicuramente la strada migliore per portare innovazione all'interno di un progetto che con tutta evidenza Oracle non ha più intenzione di sostenere in prima persona.

Dato che il settore enterprise si sta muovendo verso un sistema sempre più incentrato sul Cloud, è evidente che la piattaforma Java EE necessita di un rinnovamento radicale e il suo affidamento alla fondazione Eclipse potrebbe rappresentare la migliore opportunità per ottenere i risultati attesi in tempi rapidi.

Via Adtmag

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *