Nonostante questo rappresenti un grosso passo in avanti per Chrome, gli sviluppatori tengono a precisare che questo primo rilascio è stato focalizzato esclusivamente sulla realizzazione dell´infrastruttura e sui meccanismi di sicurezza, in particolare il nuovo sistema dei permessi, che dovrebbe rendere meno pericoloso l´utilizzo di estensioni sviluppate da terze parti.

In futuro l´aggiornamento delle estensioni avverrà in maniera analoga a quanto già avviene con Chrome: verranno installati in maniera automatica, attraverso l´utilizzo del protocollo Omaha.

Al momento il supporto out-of-the-box alle estensioni è disponibile solo nelle versioni di Chrome-dev per Windows ma gli sviluppatori contano, come al solito, di equiparare al più presto le tre principali piattaforme.

È probabile che le API e l´interfaccia del nuovo framework subiranno modifiche (anche radicali) prima dell´arrivo nel canale stabile (o quantomeno in quello beta), pertanto chi fosse interessato a sviluppare estensioni per Chrome farà bene a tenere d´occhio la documentazione ufficiale.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *