A seguito di questa novità  sarà  possibile ridurre sensibilmente il numero di parole chiave per ogni gruppo di annunci, non essendo più necessario specificare tutte le possibili varianti; sarà  inoltre possibile evitare di ricorrere all'uso di keyword volutamente errate (approccio simile al Typosquatting) come nell'esempio appena citato: se l'utente digitasse "Googel" o "Goggle" provocherebbe sempre l'attivazione di un annuncio con keyword Google.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *