Secondo Settle esistono diversi segnali che indicano se un progetto software ha dei problemi in fase di sviluppo, uno dei primi ad emergere è lo slittamento delle milestones. Il dilatamento dei tempi di sviluppo porta ad un aumento dei costi non previsto e questo può essere un grave problema sopratutto per team molto piccoli. Quando un progetto va male ci sono due possibilità: si può cercare il modo di salvarlo, tramite una serie di meeting e QA con il team e andando a correggere gli errori alla radice, oppure, avendo sforato il budget e quando il lavoro fatto è meno di un quarto di quello prefissato, lo si chiude evitando altri costi inutili.

Inoltre, in caso di gravi problemi, è sempre meglio comunicare velocemente ai propri partner che qualcosa è andato storto, infatti più si va avanti col tempo più la cattiva notizia può essere dannosa e può creare gravi tensioni all'interno del team. La comunicazione è un elemento essenziale ed ogni membro del team deve essere incoraggiato a segnalare un problema quando si presenta.

Il lavoro di una piccola parte del team non è altro che un ingranaggio di un più vasto sistema, ed è spesso difficile capire chi ha sbagliato, cosa è andato storto o dove nasce il problema. Per questo è bene organizzare meeting frequenti e spiegare bene il motivo di determinate schedule. Infatti una volta che i developer hanno ben compreso le motivazioni di una deadline, e le conseguenze che si avrebbero quando essa non viene rispettata, saranno necessariamente più motivati a rispettarla. Comprendere con precisione il proprio ruolo all'interno del progetto software è dunque un altro elemento essenziale.

In sostanza Settle non si sbilancia con formule ben precise ma fornisce comunque alcuni consigli su come regolarsi in caso di imprevisti e problematiche che spesso possono sorgere durante lo sviluppo di un progetto software.

Via Enterprisers Project

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *