Qualche anno fa Bill Gates, fondatore di Microsoft e uomo più ricco del Pianeta, affermava di preferire le persone più "pigre" perché queste riuscivano a trovare sempre le vie più semplici per eseguire un determinato compito, anche quello più complesso. Dunque uno sviluppatore "pigro" potrebbe nascondere dei vantaggi rispetto ad un collega più attivo ed efficiente.

Chiaramente, in un ambiente di lavoro nel quale ci si debba confrontare quotidianamente con collaboratori, dirigenti e clienti, l'essere efficienti presenta senza dubbio dei lati positivi. Un developer infatti non deve solo risolvere un problema e scrivere codice per eseguire dei compiti specifici, ma deve farlo anche rispettando delle deadline che vengono dettate dal cliente, dal proprio datore di lavoro o dalle esigenze di chi partecipa al medesimo progetto.

In determinati contesti, un developer efficiente sarà sicuramente più produttivo di uno più pigro, che tenderà a non rispettare le scadenze con il rischio di far perdere tempo a denaro ai committenti e all'azienda per cui lavora. Quindi, a seconda del progetto che s'intende sviluppare, sarebbe bene selezionare in modo accurato il proprio team di sviluppo, cosi da sfruttare al meglio anche il loro carattere oltre alle loro skill lavorative.

Un buon team dovrebbe essere composto in egual misura da entrambe le tipologie di sviluppatori, cosi da creare il giusto equilibrio nel processo di sviluppo. Senza contare che un qualsiasi developer, anche il più pigro, potrebbe sempre imparare qualcosa di nuovo quando lo si mette a lavorare ad un altro sviluppatore con un punto di vista ed un carattere differente.

Via Jaxenter

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *