Apache Foundation sostiene che questo comportamento violi le regole del Java Community Process e, dopo aver tentato invano di bloccare i lavori sulle future versioni di Java, ha deciso quindi di abbandonare il comitato del JCP.

àˆ interessante notare come altri importanti nomi di quest'ultimo (IBM, per esempio) che non gradiscano la politica di Oracle abbiano deciso di seguirne comunque la linea; IBM, in particolare, ha ridotto il suo impegno in Harmony in favore di quello su OpenJDK.

Non è ancora chiaro se questa decisione avrà  ripercussioni sul gran numero di progetti Java sviluppati da Apache.

Aggiornamento. Oracle ha invitato Apache Foundation a rivedere la sua decisione senza offrire, però, nulla di concreto in cambio.

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Mi sa che per Java stia avvicinandosi la fine. Oracle non ha offerto nulla in cambio del ritorno semplicemente perché Apache Foundation non fa non la paga per rientrare e /o per usufruire di Java- Oracle per cui può starsene dove vuole. Almeno finché non fornirà  ulteriori profitti oltre a quelli che Oracle si aspetta. Mi spiace che Java faccia quella squallida fine.

Ratamusa
Ratamusa