Ma quali sono gli elementi da prendere in considerazione, per organizzare una campagna di successo? Così come accade per tutti gli altri social network, una campagna di social marketing su Instagram non può innanzitutto prescindere da uno studio accurato del target, nonché sulla natura della piattaforma: trattandosi di un social fotografico, le modalità d'interazione sono diverse rispetto ad altri servizi.

Scelta dei media

Instagram permette di condividere sia fotografie che video, seppur questi ultimi di breve durata. La scelta fra i due formati non è semplice, perché entrambi presentano vantaggi e svantaggi. Gli scatti fotografici, ad esempio, si caratterizzano per un'elevata capacità di diffusione e condivisione, nonché per una buona persistenza nel tempo.

I video, invece, tendono a essere visti da un numero minore di utenti, tuttavia sembrano essere in grado di catalizzare maggiormente l'attenzione sul prodotto o sul servizio, incrementandone le conversioni. Una buona strategia, come è facile intuire, sarà quella di alternare i due formati, preferendo una proporzione fissa: la più classica è di circa l'80% di foto contro i 20% di video.

Data la natura del social e delle sue condivisioni, non si dovrà dimenticare come fotografie e video dovranno essere proposte in formato quadrato, assicurando così la migliore visualizzazione nel design tipico delle pagine di Instagram, sia dal web che tramite dispositivi mobile.

Descrizioni

A differenza di altri social media, quali ad esempio Twitter, Instagram non impone limiti nella lunghezza delle descrizioni d'accompagnamento alle proprie condivisioni. Questo permette di giocare sapientemente con le didascalie, per aumentare l'attenzione e la capacità d'attrattiva del pubblico.

Il primo consiglio è comunque quello di optare per interventi non eccessivamente lunghi, poiché il lettore raramente sarà spinto alla lettura completa.

La didascalia non dovrà essere solamente veloce da fruire, ma anche fresca, studiata affinché rimanga impressa nella memoria, meglio se sfruttando sapientemente una buona dose di ironia. Ancora, ideale sarà ricorrere agli strumenti comunicativi tipici della piattaforma, come abbreviazioni, emoji, citazioni di meme virali e molto altro ancora. Meglio quindi riferirsi al cliente in prima persona, con uno stile amichevole, che rimandi l'idea di una buona vicinanza tra l'azienda e i suoi clienti.

Hashtag

Gli hashtag sono fondamentali per una piattaforma come Instagram, poiché rappresentano un rapido mezzo di diffusione dei propri contenuti, nonché una modalità facile per raccogliere follower. Una prima strategia potrebbe essere quella di tentare di inserirsi sugli hashtag più popolari del giorno, ad esempio partecipando a una tornata virale, commentando una notizia simpatica o cavalcando i trend momentanei degli utenti.

Qualora si rendesse necessario inventare un nuovo hashtag, si punti sulla brevità, la facilità di memorizzazione, l'impatto che quest'ultimo può avere nel diventare virale, ma anche su una buona ironia. Gli utenti percepiscono infatti maggiore assonanza con i brand in grado di prendersi in giro.

Nell'area dedicata agli hashtag, infine, sarà doveroso inserire riferimenti specifici a campagne pubblicitarie, come #ads o #pubblicità, poiché di recente è stato richiesto agli inserzionisti di rendere esplicite anche sui social le loro campagne promozionali.

Follower e influencer

Poter contare su un buon numero di follower è essenziale per una campagna di successo, poiché maggiori sono gli utenti affezionati alla propria pagina, più alte saranno le possibilità di diffusione di una sponsorizzazione. La qualità di questi follower fa la differenza: si eviti di affidarsi ai tanti servizi online che promettono, a pagamento, di collezionare un gran numero di seguaci. Sebbene si tratti di una spinta numerica, si tratterà di utenti indifferenziati, non affini al target, probabilmente non interessati. Invece, si punti sull'interazione e sulla capacità di rendersi virali, affinché si possa raggiungere un'utenza naturale.

Utile potrebbe essere inoltre affidarsi a un influencer, ovvero un soggetto molto seguito sulle piattaforme social e capace di orientare gli interessi d'acquisto dei propri follower. Anche in questo caso, eventuali interventi sponsorizzati dovranno essere specificati nell'area hashtag.

Infine, utile sarà coinvolgere l'utenza sia con la pubblicazione di scatti o elementi artistici da loro stesso creati, sia con piccoli concorsi e contest. Nell'interazione con i follower, non ultimo, bisognerà sempre dimostrarsi attenti e cordiali, pronti a rispondere a qualsiasi richiesta, evitare le discussioni e ricorrere all'assertività per gestire navigatori molesti o dalla facile arrabbiatura.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *