In sintesi, si tratta di un linguaggio nato in un contesto Open Source, volto alla realizzazione di applicazioni efficienti e sicure e dotato di caratteristiche interessanti (type-safety, gestione della memoria automatica, strutture dati avanzate, garbage collection..).

Una delle notizie più rilevanti del momento è che Go 1.5 in versione beta è ormai pronto. Si è giunti, finalmente, ad una major release che vedrà diverse novità. Una delle principali è il tanto atteso distacco dal C. Ora il linguaggio è implementato solo in Go e Assembler: il pochissimo codice C rimasto è per lo più dedicato a procedure di testing.

Tra le varie ottimizzazioni si segnala il potenziamento del Garbage Collector che, arricchendosi di un approccio concorrente, potrà, quando possibile, essere eseguito in parallelo ad altre goroutines.

Altra novità molto recente: Go è uno dei linguaggi ufficiali per la programmazione su Google App Engine - il servizio PaaS (Platform-as-a-Service) del Cloud di Big G - oltre a Python, PHP e Java. Proprio in questi giorni è stato annunciato che il supporto per Go sulla piattaforma non è più in fase beta ma risulta disponibile tra i servizi GA (Generally Available).

In generale, il linguaggio Go è una realtà molto promettente e probabilmente le ultime novità contribuiranno ad accrescerne il successo. Attualmente, la classifica stilata dalla società TIOBE Software sui linguaggi di programmazione più usati lo colloca oltre il 50° posto.

Via GO 1.5 release notes

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Go è evoluto in maniera sorprendente, la TIOBE gli ha assegnato il premio Linguaggio dell'anno nel 2009 e nell'indice di Ottobre 2016 lo segnala come possibile candidato al premio anche per quest'anno. Fra le innovazioni più recenti, c'è la cartella vendor divenuta standard nella versione 1.7 che permette di lavorare con librerie indipendenti dai repository remoti. Per me, i punti di forza del linguaggio Go sono stabilità, integrazione e codice ottimizzato come ho spiegato nel mio articolo su Medium: https://medium.com/@renato.mite/punti-di-forza-del-linguaggio-go-2905d698740e

Renato Mite
Renato Mite