Ricordo che anni fa si puntava al traffico. Si supponeva che più accessi significasse più conversioni Visitatore/Cliente (dove per Cliente si intende in senso lato). Per far cià, si tendeva a posizionare il sito su quelle chiavi che dalle statistiche prodotte dai motori risultavano maggiormente cercate dai navigatori.

Si lavorava molto, per ottenere una posizione difficile da mantenere, per avere migliaia di visitatori che poi abbandonavano il sito dopo pochi istanti o che lo navigavano per curiosità  (tanto che ormai erano lì), senza però altra azione.

Poi qualcuno comincià a registrare cosa facevano i navigatori arrivati, in funzione della chiave di ricerca. Ci si accorse che, stranamente, le chiavi di varie parole, due, tre e qualche volta quattro, erano quelle che producevano il numero maggiore di conversioni Visitatore/Cliente.

Perché questa mia osservazione? Perché ancora oggi ci sono proprietari di siti che chiedono che lo stesso sia posizionato in prima posizione per una sola parola. Anche in contesti dove cià è facilmente dimostrabile non avere senso. Anche a costo di pagare migliaia di euro. Anche a costo di vedersi falsate tutte le statistiche. Anche a costo di non capire poi se i visitatori se ne vanno perché non sono interessati o il sito ha problemi di comunicazione o navigabilità  o altro.

Mi aiutate a dire – Basta -?

Il traffico è unÂ’illusione. Provocatoriamente (e ripeto, provocatoriamente) bastano due visitatori al giorno, se poi sono quelli che comprano!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
5 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

E' vero. Avere tanto traffico da chiavi generiche é il corrispondente internet dell'avere tanti spettatori televisivi dagli spot. Fanno massa, ma servono a poco.

sasa
sasa

Concordo su tutto ma butto li una differente motivazione . Come hai scritto nelle prime righe del post, per capire quali sono le ns keyword che producono business occorre investire in ricerca e analisi... spesso questa pratica é abbastanza costosa e forse, nel preventivo generale, conviene direttamente puntare su qualche keyword più collegata ai numeri sperando poi di trovarci dentro anche la qualità ... Senza contare che molte aziende che vendono servizi di posizionamento spesso, come da sempre nel made in Italy on line, sono improvvisate... Differente il caso di aziende di un certo calibro e dotato di budget molto alti... una analisi iniziale può fargli risparmiare migliaia e migliaia di euro...

Fabrizio Ventre
Fabrizio Ventre

il traffico, oltre ad essere una illusione può diventare anche un costo in termini di banda, hosting, ect

Ikona
Ikona

E' vero. Avere tanto traffico da chiavi generiche é il corrispondente internet dell'avere tanti spettatori televisivi dagli spot. Fanno massa, ma servono a poco.

[mini]marketing
[mini]marketing

Francesco hai tutto il mio appoggio, capita spesso di sentire clienti ad esempio di Hotel che vogliono essere ai vertici dei motori ricercando la parola "hotel" magari pretendendo di spendere una somma irrisoria. E' difficile far capire alle persone che un'indicizzazione sensata che converta Visitatore/Cliente si ottine attraverso l'uso di "Frasi chiave" e non "Parole chiave". Quindi mi unisco a te nel dire: BASTAAAA!!! :)

Matteo
Matteo