Il "core" del Google Photos partner program sono le Google Photos Library API, infatti l'intero progetto è stato costruito basandosi su queste interfacce. Attraverso di esse Google vuole alleggerire il carico di lavoro dei vari team di sviluppo delle applicazioni. Una volta integrate tali librerie, non sarà più necessario preoccuparsi di mantenere un'infrastruttura dedicata allo storage dei contenuti multimediali, tanto meno di sviluppare funzionalità come filtri intelligenti o sistemi di riconoscimento facciale.

Potendo sfruttare l'infrastruttura Cloud di Google tramite le Google Photos Library API, nella propria applicazioni è possibile usufruire anche di una pletora di algoritmi di machine learning, senza dover quindi ricorrere a soluzioni fatte in casa. Sostanzialmente il developer potrà delegare a Google varie funzionalità della propria applicazione, dunque risparmiando sul tempo dedicato allo sviluppo, come ad esempio:

  • cercare facilmente le foto, in base a cosa c'è nell'immagine, la data di scatto, attributi come descrizione e formato multimediale;
  • upload diretto nella libreria di Google Photo;
  • catalogazione automatica degli album con aggiunta di titoli e posizioni;
  • implementazione di album condivisi per trasferire foto e condividerle facilmente con i propri contatti;
  • filtri intelligenti;
  • backup e sincronizzazione automatica tra più device;
  • protocolli di sicurezza implementati di default durante tutte le fasi di gestione dei contenuti multimediali.

In buona sostanza il Google Photos partner program è volto ad assicurare all'utente una user experience di elevata qualità, grazie ad una serie di feature e servizi preconfezionati col cloud di Google. L'azienda di Mountain View in questi anni sta puntando su questo tipo di strategia per la vendita dei proprio servizi, l'integrazione delle proprie API all'interno dell'ecosistema Android è quindi una strategia che molto probabilmente permetterà agli utenti di ottenere un parco applicazioni più uniforme e fluido.

Via Google Photos partner program

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *