Su Red Hat Enterprise Linux 6.8 possiamo trovare le librerie Libreswan che forniscono un livello extra di sicurezza per le VPN (Virtual Private Networks). Questo nuovo componente sostituisce la precedente implementazione basata su Openswan. Introdotte anche nuove opzioni all'interno dell'Identity Management Client Code Component, in modo da offrire migliori performance agli utenti della distribuzione.

Il team ha anche inserito nei repository i pacchetti per il Relax-and-Recover System Archiving Tool, un programma che permette la creazione del backup in locale. Arrivati anche i dmstats tool che consentono un più elevato livello di visibilità nelle attività di storage e migliori performance.

Inserite anche nuove patch nel supporto ad XFS, adesso Red Hat Enterprise Linux può formattare e gestire dischi da 300TB attraverso questo File System. La distribuzione è dedicata ad un target molto preciso e dunque non è indicata per gli utenti domestici, per questi ultimi infatti Red Hat indirizza su Fedora.

Via Red Hat

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *