Ubuntu Core, essendo un sistema dedicato a dispositivi che di solito non vengono quasi mai aggiornati, fino ad oggi è rimasta ferma ai pacchetti di Ubuntu 15.04 ovvero una versione obsoleta della distribuzione.

Il team del progetto lavora da mesi sul ramo di sviluppo di Ubuntu Core, sopratutto per garantire un supporto più duraturo e meno problematico in mancanza di aggiornamenti frequenti. Ora la nuova beta è pronta e il ramo di sviluppo è entrato in fase di feature freeze; da questo momento in poi non saranno implementate nuove funzionalità e il lavoro degli sviluppatori si focalizzerà interamente sull'opera di bugfixing.

Una delle feature più interessanti di Ubuntu Core 16 è il pieno supporto alla single board Raspberry Pi, caratteristica che sarà sicuramente apprezzata dalla community della famosa scheda ARM utilizzatissima per il making e la prototipazione.

Ubuntu Core 16 Beta è dunque una delle ultime build di testing prima dell'arrivo della versione stabile, essa utilizza il nuovo gestore di pacchetti Snappy che di fatto rende il sistema notevolmente più modulare e flessibile della sua controparte standard. Gli "Snappy" sono package "standalone" che offrono maggiore elasticità di un comune gestore di pacchetti (almeno in certi contesti).

Trattandosi di un release beta ne sconsigliamo l'uso in ambienti di produzione, tuttavia alcuni developer potrebbero voler iniziare ad adattare le proprie applicazioni alla nuova release, per questo è già possibile scaricare il file ISO direttamente dal sito ufficiale del progetto.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *