L'appuntamento è destinato a relatori di fama nazionale e internazionale che presenteranno degli interventi su diversi argomenti riguardanti la storia dell'informatica, l'imprenditoria del videogioco, la cultura digitale in generale.

Prevista la presenza, tra gli altri, di Yves Bolognini (Musée Bolo di Losanna), Svetozar Nilovic (Peek&Poke Museum di Fiume) e Marc Weber (Computer History Museum di Mountain View) che parleranno di museologia dell'informatica e del suo positivo impatto sul territorio. Vi saranno inoltre i contributi di Floriana Ferrara, membro del Team per la Trasformazione Digitale del Consiglio dei Ministri, che illustrerà alcune novità nell'ambito della Pubblica Amministrazione con rimandi ai progetti di inclusione per le ragazze.

Riccardo Sinigaglia, docente del Conservatorio di Milano e produttore musicale, sarà protagonista di un intervento sull'influenza della tecnologia nella composizione e produzione. Da segnalare anche Emilio Cozzi, giornalista di Wired e Il Sole 24 Ore, che parlerà di industria dei videogiochi e di quanto quest'ultima sia importante anche per le attività di ricerca, così come Francesca Anzalone, esperta di comunicazione e digitale che farà riflettere il pubblico sulle contaminazioni tra informatica, musica e scrittura.

Merita una citazione anche l'esposizione grazie alla quale si potrà ammirare il meglio delle collezioni di computer storici provenienti da tutta Italia e non solo. Gli organizzatori hanno fatto in modo che non si tratti di una mostra statica, ma di un'occasione per toccare e utilizzare terminali, console da gioco e altro materiale messo a disposizione da amatori e associazioni. L'esposizione rappresenterà anche un'opportunità d'incontro tra vecchi e nuovi appassionati. Ospiti d'onore, con una propria esposizione, il Musée Bolo di Losanna e il Museo Peek&Poke di Fiume.

Sabato mattina avranno luogo due laboratori: uno di elettronica a cura di esperti di AICA e uno di videoproduzione a cura di Rec-TV che presenterà un suo kit. Si proseguirà nel pomeriggio con il CoderDojo, il cui intento è l'apprendimento del pensiero computazionale e del problem solving per i più piccoli. I CoderDojo del "A bit of [hi]story" saranno laboratori gratuiti di 3 ore durante i quali bambini e ragazzi apprenderanno nozioni basilari di Informatica

Domenica dedicata alla robotica con laboratori per la realizzazione di robot con componenti riciclate e con un laboratorio organizzato da Comau che presenterà il nuovo robot e.Do.

La sera del sabato avrà luogo una raccolta fondi per la quale è stato organizzato un DJ set con musica elettronica a 8 bit e gestito da Fabio "Kenobit" Bortolotti, noto DJ del milanese che ha lavorato per diverse radio, anche a livello nazionale, e che è andato in tournée in tutta Europa.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale di A bit of [hi]story.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *