SQL Notebook può gestire senza particolari problemi i formati CSV, JSON e Microsoft Excel. È possibile importare dei database tramite tali formati sia attraverso una shell che tramite un'interfaccia grafica dedicata. Inoltre le tabelle create in Microsoft SQL Server, PostgreSQL e MySQL possono essere "linkate" direttamente all'interno di SQL Notebook, cosi da poterle interrogare insieme alle tabelle locali.

annotated-import-screenshot

I dati remoti non saranno mai copiati in locale a meno che l'utente non selezioni esplicitamente questa opzione, in questo modo sarà possibile lavorare con i database in remoto senza lasciare traccia sul terminale utilizzato per eseguire le proprie operazioni.

SQL Notebook offre due alternative per formulare le query SQL: può essere utilizzato infatti sia da riga di comando che tramite degli appositi script.

Dunque l'utente avrà massima libertà possibile durante le sue sessioni di lavoro, se per esempio necessità di inserire piccoli cambiamenti potrà farlo tramite shell oppure potrà automatizzare il tutto attraverso script creati tramite la stessa applicazioni che supporta la definizione di variabili (DECLARE, SET), costrutti condizionali e cicli (IF/ELSE, FOR, WHILE), Stored procedure (EXECUTE), gestione degli errori (THROW, blocchi TRY CATCH) e delle date (DATEPART, DATEADD, DATEDIFF, GETDATE).

annotated-console-script-screenshot

È anche possibile documentare il codice sorgente digitato direttamente dall'editor di SQL Notebook, infatti in esso sono incluse anche le tradizionali funzionalità in dotazione agli editor di testo. L'installer di SQL Notebook è disponibile per il download direttamente dal sito ufficiale del progetto, per essere eseguito è necessario aver installato nel proprio sistema anche .NET Framework 4.6.

Via SQL Notebook

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *