Zuckerberg: la privacy? Non é più di moda

lunedì 11 gennaio 2010 - 12:31

di Cesare Lamanna

Sta facendo discutere un’intervista rilasciata a Michael Arrington di TechCrunch da Mark Zuckerberg. Tutto il dibattito gira intorno a un concetto espresso dal fondatore di Facebook: se avessi creato oggi Facebook, la configurazione di default in fatto di privacy sarebbe stata impostata sulla condivisione pubblica e non privata. E in effetti è questa la sostanza della recente, contestatissima novità  introdotta dal social network. Uno stralcio dall’intervista:

Le persone sono ormai davvero disponibili non solo a condividere informazioni di ogni tipo, ma anche a farlo in modo più aperto e con più persone. àˆ una norma sociale che si è semplicemente evoluta nel tempo.

amoxicillin generic

Se cambiano le attitudini sociali, dunque, Facebook si adegua. E, sembra di capire, dovremmo adeguarci un po’ tutti, come loro stessi hanno suggerito di fare all’atto dell’introduzione della nuova policy in fatto di privacy.

Non so voi, ma quando mi è comparsa davanti la schermata in cui mi veniva chiesto cosa fare delle vecchie, rigide impostazioni che avevo definito per il mio profilo, non ho esitato un attimo a mantenerle. Ripudiando anche la mia iniziale visione di Facebook, che all’inizio non apprezzavo per questa sua natura da walled garden (sono cresciuto a pane, forum e blog), ma che poi mi ha convinto e conquistato proprio per il controllo che mi consentiva rispetto al cosa mostrare a chi. E no, non sono certo paranoico su queste cose.

Se si guarda la cosa da altri punti di vista, si potrebbe anche non vedere il tutto come l’arrogante pretesa di chi, dall’alto di 300 milioni di utenti iscritti, si sente di stabilire cosa è e cosa non è ‘norma sociale’, dopo aver provato pure a misurare la felicità .

Per esempio c’è chi loda questa capacità , che è di Facebook e non di altri celebri e all’inizio innovativi servizi, di re-immaginarsi di continuo, di re-inventarsi ogni volta, appunto, come se fosse stato creato oggi. àˆ davvero questa del chiedersi come sarebbe il mio sito/servizio se dovessi lanciarlo oggi la strada per il successo e la prosperità ?

Tags:,

Categoria: Software e Servizi | Commenta

Commenti per Zuckerberg: la privacy? Non é più di moda

Ma a me sinceramente piace questa gestione della privacy.

E Zuckerberg ha ragione: se metti una cosa su facebook, a rigor di logica, difficilmente lo fai per tenerla privata… E se per qualche motivo vuoi farlo, hai gli strumenti… Non so per cosa si lamentano tutti.
E poi non si dica che non si aveva avvertito.

# - Postato da davide 11 gennaio 2010 alle 12:57

Anch’io ho mantenuto le vecchie impostazioni sulla privacy, ma molta gente ha messo tutto pubblico cliccando sul “Continua” senza neanche leggere. Non mi sembra una cosa corretta mettere come default un nuovo valore, invece che il vecchio.

# - Postato da Mattia 11 gennaio 2010 alle 13:38

Pingback: Zuckerberg: la privacy? Non é più di moda | Edit – Il blog di HTML.it

Ma io non vedo l’ora in cui sarà  Facebook a non essere più di moda…

# - Postato da Simone 11 gennaio 2010 alle 18:20

Se é per questo la privacy non é stata mai di moda per Zurckenberg.
Ne parlai io tempo fa su questo articolo http://www.yeswebcan.it/facebook-e-la-tutela-dei-dati-personali/featured

Le cose sono cambiate … ma in peggio

# - Postato da yesWEBcan 11 gennaio 2010 alle 19:29

Facebook si basa sull’abbattimento della privacy.

Mi sembra assurdo discuterne su questo sito e mi in…zo quando ne parlano ai vari tg.

Zuckerberg ha la mia invidia per l’idea di base ma per tutto il resto facebook é un mucchio di letame.

# - Postato da Paolo 12 gennaio 2010 alle 07:57

@ Simone:
PAROLE SANTE!!!
e speriamo anche che tutti capiscano che pure Second Life e’ da rimettere al suo posto.

# - Postato da pbattino 12 gennaio 2010 alle 11:36

Ma io non vedo l’ora in cui sarà  Facebook a non essere più di moda…

condivido il pensiero di simone. punto

# - Postato da Filippo Buratti 12 gennaio 2010 alle 13:24

“se metti una cosa su facebook, a rigor di logica, difficilmente lo fai per tenerla privata… E se per qualche motivo vuoi farlo, hai gli strumenti… Non so per cosa si lamentano tutti.”

Quoto al 100%

# - Postato da Andrea 12 gennaio 2010 alle 14:53

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>