L'update, del quale tuttavia non è stata ancora resa nota la data, sarà  caratterizzato da tre importanti cambiamenti:

  1. il Quality Score per ogni keyword sarà  calcolato in tempo reale;
  2. questo nuovo metodo di calcolo rende inutile il flag, riferito alle keyword, "Inattive per la ricerca": ogni annuncio potrà  essere visualizzato anche per la chiave più stramba della propria long tail;
  3. l'offerta minima (Minimum Bid) sarà  sostituita dal First Page Bid ovvero «l'ammontare necessario all'inserzionista per visualizzare i propri annunci nella prima pagina dei risultati di Google, per una determinata parola chiave».

Questa metamorfosi in arrivo (alcuni inserzionisti hanno già  la possibilità  di provare questo nuovo sistema in beta) ha già  scatenato all'estero non poche discussioni sugli effetti "economici" e pratici delle campagne. In italia, ne ha parlato invece Marco Loguercio.

Che effetti avrà  secondo voi questo AdGiornamento? :D

4 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

[...] Una nota: del cambiamento di queste regole se ne é parlato su alcuni blog e altri ne hanno dato anteprima già  ad agosto: non mi risulta però che Google abbia comunicato la cosa ufficialmente. Mi sbaglio? [...]

Pangora Blog » Blog Archive » Il mostro ha cambiato pelle
Pangora Blog » Blog Archive » Il mostro ha cambiato pelle

Ciao Francesco, ad oggi non mi sembra ancora cambiato nulla. Continuo a vedere all'interno delle campagne, keyword "non attive" e, stando a quando comunicato da GG, se fosse entrato in vigore "il nuovo sistema", questo non dovrebbe accadere. Che cambino le regole del gioco ogni tanto é anche cosa buona e giusta, credo che aiuti perché, necessariamente, gli investitori dovranno informarsi di più sulle logiche che sottostanno al keywords adv. Parlando con molti nostri clienti, ho sempre l'impressione che investano a "spanne" senza mai controllare, con sistemi professionali, i ritorni degli investimenti o senza capire a fondo l'importanza delle landing pages, dei contenuti e degli annunci in sé. Sono più che favorevole alle novità : siccome a "ballare" saremo in tanti e tutti con le stesse regole sarà  molto sfidante. Segnalo anche questo link che é molto utile: http://adwords.google.com/support/bin/topic.py?topic=15369 (si può scegliere anche la lingua in italiano in alto a destra) Ciao

Riccardo Porta
Riccardo Porta

Ciao Fabio, anche se la mia affermazione può sembrare ironica in realtà  non lo é: ho avuto alcuni scambi di opinioni con questi presunti "investitori" su forum nostrani. :D Inoltre mi é capitato un paio di volte di essere contattato da aziende che hanno investito su AdWords affidandosi a web agency tutto-fare. Una volta avuto accesso ai loro account ed aver visto bid e chiavi... non ho avuto dubbi sul disinteresse per il Quality Score da parte di chi ha gestito la campagna prima di me. A mio parere inoltre, il concetto di First Page Bid per gli inserzionisti meno esperti sarà  una scusa per dire: «con l'offerta per andare in prima pagina... basta pagare di più per posizionare meglio gli annunci».

Francesco Gori
Francesco Gori

Se ne parla talmente poco che mi capita sempre più spesso di leggere di persone che investono in AdWords per promuoversi, senza tuttavia prestare attenzione al Quality Score. Per inciso, alcune di queste non ne conoscono nemmeno l’esistenza.
Ciao Francesco, per come vanno le cose oggi su Adwords é difficile gestire una campagna pay per click senza tenere conto del quality score...chi non lo fa o si scotta subito e deve mollare, oppure spende cifre folli. Se ci sono ancora persone che utilizzano Adwords con leggerezza, senza essere consapevoli del quality score, direi che spesso sono incoraggiati da Google stessa che si pubblicizza con annunci tipo il seguente :) http://www.online-marketing.it/wp-content/uploads/google-vs-seo.png

Fabio Sutto
Fabio Sutto