Il team di Mountain View ha presentato quindi diverse novità inerenti la gestione degli annunci pubblicitari e le piattaforme AdWords e AdMob, una più interessanti per gli inserzionisti, che sarà disponibile in forma di feature beta nei prossimi mesi, riguarda la possibilità di mostrare le funzionalità di un'applicazione o di un servizio che l'inserzionista ritiene rilevanti per l'utente direttamente all'interno di un annuncio. Uno store online potrà per esempio inserire nel proprio annuncio alcune immagini del catalogo prodotti, cosi da invogliare l'utente a scaricare l'applicazione proposta dal PlayStore.

Altra novità è l'apertura a tutti gli sviluppatori di videogame di Google Play Instant. In pratica i developer potranno creare annunci pubblicitari con cui far provare un titolo all'utente direttamente dall'annuncio, senza dover effettuare alcuna installazione. Si tratta di una feature che sarà sicuramente molto apprezzata dagli utilizzatori che non dispongono di connessioni particolarmente veloci.

Google ha anche in programma di rendere disponibile ai propri clienti AdWord la view-through conversion, una funzionalità che permette agli inserzionisti di capire quante persone sono state raggiunte da una pubblicità ma non hanno effettuato alcuna azione su di essa. Il VTC consente quindi all'inserzionista di avere un dato chiaro riguardante le performance dell'advertising su cui sta investendo.

Il team di sviluppatori di AdWords ha inoltre lavorato con IAB Tech Lab in modo da integrare negli strumenti disponibili anche varie librerie e tool creati da quest'ultima, una compagnia che si occupa di ricerca e sviluppo per vari consorzi di aziende interessate all'implementazione degli standard tecnici in ambito industriale. In particolare sono stati integrati due SDK che si occupano di fornire strumenti molto precisi per il rilevamento delle performance delle pubblicità sulla piattaforma AdWords: Open Measurement e Interactive Media Ads, ora utilizzabili insieme.

Ci sono novità anche per AdMob, il servizio di Google che presiede alla monetizzazione delle App, è stato infatti avviato un programma di beta testing, aperto a tutti, indirizzato alle pubblicità catalogate come rewarded. Si tratta di una formula adottata soprattutto per i mobile game e gli online game, in pratica l'utente accetta di visualizzare una pubblicità per intero in cambio di "ricompense" all'interno di un gioco o di un'applicazione.

Rewarded_report_mock

Si potranno quindi ricevere item o magari valuta digitale da spendere per sbloccare nuovi contenuti di gioco. Il nuovo programma di beta testing di AdMob darà accesso a nuovi strumenti per controllare l'effettiva efficacia delle pubblicità sugli utenti.

Via Google Inside AdWords

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *