Circa due settimane fa Andy Rutledge ha presentato un’interessante sperimentazione, ovvero un possibile redesign di Google, articolo divenuto noto a molti grazie a Digg. Oltre ad essere un notevole esercizio di design, trovo il risultato decisamente accattivante, ma credo sia una questione molto soggettiva. Sempre attraverso Digg scopro la che il citato redesign è stato anche codificato con HTML e CSS e presentato in
questa pagina. Curioso di natura come sono, ho subito dato uno sguardo al markup, e ho notato:


<a href="http://www.google.com/ads/"><div class="ad"></div></a>

Un link vuoto con dentro un div è sbagliatissimo per due motivi: l’accessibilità  ai contenuti
a chi naviga con immagini e/o CSS disabilitati, screen reader e browser alternativi; inoltre i link
essendo elementi inline al loro interno non possono contenere elementi block-level come i div. Se l’appeal del redesign è notevole, chi ha fatto la sua ricodifica ha fatto un lavoro decisamente pessimo: lo dice anche il validatore.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
15 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

invito tutti a spulciare i loghi che google ha pubblicato per gli alcune date speciali http://www.google.com/holidaylogos.html

Salvatore PECORARO
Salvatore PECORARO

stavo riflettendo sul perché Google usi ancora questa grafica minimalista, e ho compreso i motivi della loro scelta. Google é diventato il più usato tra i motori di ricerca per la sua grafica minimalista e la sua velocità  impressionante. L'utente é abituato a questo design, che di certo preferirà  a qualsiasi altro (anche migliore e più colorato); cambiare grafica significa anche perdere clienti che aprendo la home page dal design differente penseranno di imbattersi nell'ennesimo clone di msn o yahoo, e abbandoneranno Google. Google inoltre non offre contenuti propri, non é un portale che offre informazioni, offre servizi, e lo fa con pagine leggere e facilmente riconoscibili, non ha bisogno di aggiornare la grafica ogni 6 mesi per piacere di più, Google piace per i servizi, non per la grafica ultramoderna o ricca di effetti speciali. Per il logo, poi, secondo me é bruttissimo quello che hanno disegnato i tipi del commento di Alessandro! Manca di plasticità , é troppo "serio".

Salvatore PECORARO
Salvatore PECORARO

Non mi sembra che questo design sia poi così accattivante. Preferisco ancora la chiarissima vecchia pagina di ricerca.

Izee
Izee

Già  che siamo in tema di redesign e google: scopro ora che hanno provato anche a rifare il logo.

Alessandro Fulciniti
Alessandro Fulciniti

Trovo certi toni un po' presuntuosi rispetto al soggetto. Qui, ad esempio: "What Google does not do well is apply design appropriately to its search engine interface". Posso capire la protesta del "designer accademico" ma magari quello che appare "ill-conceived" può avere ragione di essere per altri motivi. Non che Google non possa essere criticato, ma lo si faccia meno in astratto.

Mauro Di Blasi
Mauro Di Blasi

tag img nel body links senza scritte, con divs interni e nessun li un div sbox inutile una form piena di errori, tanti attribui non racchiusi, zero labels, nessun fieldset ora ... la grafica può piacere o non picere (a me non ricorda ne msn [anche perché non lo navigo mai quindi non lo ricollego mai a niente, non conoscendolo] ne alro anzi, tutto sommato mi piace l'idea) ma miseriaccia almeno scrivere codice decente per 10 righe di presentazione poteva pure farlo, un frontpage forse avrebbe fatto di meglio sul markup :D

andr3a
andr3a

io confermo quanto detto pocanzi, la pagina che vedo differisce molto dallo screenshot, eccovi gli screen shot

Salvatore PECORARO
Salvatore PECORARO

A differenza di quanto ho detto in precedenta (cfr. primo commento dell'articolo), con Opera (ora) funziona correttamente; confermo i problemi con IE6.

gianluca
gianluca

in questo momento sto usando Opera 9, ma anche se non la usassi noterei subito che link e varie che usano immagini (perfettamente inutili) non precaricate come detto già  da claudio, sono un pugno nello stomaco. inoltre, anche senza guardare il codice html della pagina ci si accorge ad occhio di tutti gli errori presenti in essa, specie quando compare un collegamento blu, con uno sfondo blu scuro. Tale sfondo doveva essere bianco, la ma compatibilità  tra i browser doveva essere l'ultimo pensiero Rutledge. pessimo lavoro

Salvatore PECORARO
Salvatore PECORARO

Lo stile microsoft ci sta influenzando troppo... secondo me non é appropriato per un marchio che sempre più si sta ponendo in alternativa a Redmond...

Ikona
Ikona