La sezione dedicata ai container fornisce per esempio le informazioni riguardanti gli stati, le immagini e le porte impiegate, l'utilizzatore ha la possibilità di filtrare e ordinare i container e di gestirli utilizzando delle azioni standard (avvio, rimozione..). Nello stesso modo si potrà accedere alle statistiche sul funzionamento e a dei log completi sulle attività, così come inizializzare ed eseguire un'istanza per l'apertura di una console o effettuare commit per la creazione di immagini.

1

L'interfaccia di Portainer consente di visualizzare le statistiche in tempo reale, potendo monitorare l'utilizzo delle risorse fornite da CPU e memoria mentre vengono consumate, oppure verificando lo stato delle attività di networking e dei processi funzionanti all'interno di ciascun container; analisi più complete possono essere effettuate tramite l'ispezione dei log e vi è sempre la possibilità di accedere direttamente ai container selezionati tramite console per le comuni operazioni di gestione.

2

Portainer non consente soltanto di amministrare l'esistente, tramite la sua UI si possono infatti creare nuovi container o effettuare fasi di deploy semplificati utilizzando un apposito sistema basato sui template; diversi i modelli pronti all'uso per la messa in produzione di applicazioni e piattaforme diffusamente utilizzate: database (MySQL, MongoDB, PostgreSQL, MariaDB..), in-memory data store (Redis), CMS (WordPress, Joomla, Drupal..), Web server (Httpd, nginx..), media server e piattaforme per la messaggistica.

3

Portainer è utilizzabile anche con Docker Swarm tramite una sezione che fornisce dettagli su ciascun nodo dei cluster e permette di gestire e scalare servizi in modo estremamente intuitivo.

Via Portainer

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *