Sketch è un software con un'impronta decisamente vettoriale; sebbene sia disponibile solo per Mac, OS X 10.10 e successivi, sta conquistando sempre più designer, tanto che sul Web sono apparse svariate guide per approfittare di questa applicazione anche in ambiente Windows tramite una macchina virtuale. Ma perché valutare Sketch come sostituto delle proposte Adobe anche in Windows? Ecco le tre ragioni principali:

  • Superare gli "Oggetti Collegati": nei software come Photoshop, in particolare nella versione CC, esiste una comoda funzione, quella degli Oggetti Avanzati Collegati. Si tratta di gruppi di livelli, anche esterni, che possono essere modificati non solo all'interno di Photoshop, ma anche tramite altri software della suite Adobe. Essi possono essere moltiplicati all'interno del proprio layout e, modificando l'oggetto base, anche tutti gli altri vengono automaticamente aggiornati. Questi oggetti, identificati dal formato .psb, occupano tuttavia parecchio spazio su disco e risultano difficili da gestire quando si lavora con una gerarchia molto complessa di oggetti e livelli. Sketch, invece, propone i cosiddetti Symbols: si tratta sempre di elementi correlati, e modificabili indipendentemente dal progetto iniziale, organizzati in una pagina comoda e ordinata. Oltre al vantaggio di un facile accesso nonostante complesse gerarchie, garantiscono sincronizzazioni automatiche a manutenzione zero.
  • Raggruppamento e modifica: quando si lavora con gli "Oggetti Collegati", in Photoshop potrebbe essere difficile passarli da un progetto all'altro, soprattutto in caso fossero necessarie modifiche ulteriori. Si ipotizzi di aver creato un pulsante di navigazione, perfettamente inserito nel proprio design. Passando questo "Oggetto Avanzato" a un nuovo progetto, e accorgendosi della necessità di eseguire alcune operazioni di base come il ridimensionamento, ci si ritroverà davanti a un intoppo. Per farlo, infatti, bisognerà tornare sul pulsante originale non collegato e, lavorando sui vari livelli non raggruppati, aggiustare la posizione di ogni elemento dopo il ridimensionamento. Con Sketch, invece, si potrà agire sull'intero gruppo senza modificare i singoli livelli e optare per un ridimensionamento classico, relativo agli angoli, o scegliere la funzione float con cui ingrandire un gruppo senza che gli elementi interni subiscano una modifica della loro dimensione originaria.
  • Dati per le immagini: per i progetti che si avvalgono di molte immagini esterne è indispensabile una perfetta catalogazione delle stesse, nonché l'inserimento di altri metadata o informazioni utili alla progettazione. Con Sketch, e l'impiego di plugin come Craft, sarà molto semplice non solo modificare le informazioni delle immagini senza abbandonare il proprio layout, ma anche gestire in modo immediato i propri archivi, siano essi online o salvati sullo storage locale.

Via Prototypr

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Articolo interessante ma oggi esiste già un prodotto che fa tutto questo ed è Web Designer di MAGIX che non ha bisogno di macchine virtuali perché gira sotto Windows. Sugli esempi riportati nell'articolo Web Designer ha già tutte quelle funzioni al costo di una sessantina di EUR.

Claudio
Claudio