Gladys è stato realizzato appunto partendo dalla piccola board ARM che di fatto viene trasformata in un hub dal quale gestire tutti i device IoT presenti in un ambiente domestico o di lavoro (casse audio, caffettiera, luci, telecamere, sistemi di sicurezza, porte automatiche, sistema di riscaldamento e molto altro).

Gladys

La piattaforma è anche in grado di gestire i tag NFC e creare un sistema di trigger personalizzato. E ad esempio possibile impostarlo perché attivi il riscaldamento ad un determinato orario, oppure si può settare lo spegnimento delle luci quando si esce dalla casa tramite il GPS del telefono. Sarà anche possibile connettere alla Raspberry Pi, animata da Gladys, un Arduino Nano tramite porta USB, per abilitare la ricezione dei segnali a 433Mhz cosi da potersi interfacciare con le periferiche Z-wave.

Gladys è sostanzialmente un piccolo Web server scritto in NodeJS che, potenzialmente, può funzionare ovunque sia disponibile il noto runtime JavaScript; ovviamente il developer del progetto consiglia di utilizzarlo su Raspbian, la versione personalizzata di Debian che viene sviluppata dal team del Raspberry Pi.

Si può interagire con Gladys tramite l'apposita WebUI oppure via chat con il proprio smartphone. Gladys è persino capace di leggere la nostra agenda e consultare i nostri impegni sul calendario in modo da impostare in autonomia sveglie e reminder automatici.

Gladys è un progetto completamente open source ed è possibile reperire il suo codice sorgente sul repostiory dedicato di Github.

Via Gladys Project

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *