Ma quali sono le caratteristiche avanzate di Internet Explorer 11, per chi non avesse avuto ancora modo di sperimentarle? Si parte con un aumento della velocità di navigazione di oltre il 30%, grazie a una gestione più sapiente di plugin e standard, come Flash, Javascript e HTML 5. Per dimostrare quanto IE11 sia veloce, Microsoft ha reso disponibile il simpatico tool EtchMark: la riproduzione virtuale di una lavagnetta a sabbia, che spreme a fondo le risorse del browser.

Javascript gode ora di un personale servizio di caching, che rende le sue performance del 9% più rapide rispetto a Internet Explorer 10 e del 30% migliori rispetto alle soluzioni della concorrenza. Risultati molto simili si hanno anche per le applicazioni Web complesse, quali mappe, servizi di streaming, embed di strumenti per la produttività. Il tutto è garantito dalla piena compliance allo standard ECMAScript 6. E proprio in termini di standard e performance grafiche, Internet Explorer 11 si aggiorna supportando tutti i più diffusi linguaggi di programmazione per il Web, a partire da HTML 5, e prevede ora l'accelerazione hardware per un perfetto rendering sia nel 2D che nel 3D, grazie alla piena compatibilità con le specifiche WebGL. Un perfezionamento di quanto già faceva Internet Explorer 10, che si traduce nella possibilità di sfruttare nella finestra del browser applicazioni grafiche complesse senza la necessità di installare plugin terzi, come nel caso dell'output video in HTML 5. E in un mondo, quello del Web, che si sta sempre più orientando verso il concetto di applicazione che di sito Internet, non mancano di certo delle rinnovate risorse per gli sviluppatori: IE11 integra i nuovi strumenti F12 per gli sviluppatori da coniugare con gli altri tool forniti da Microsoft come Visual Studio e Modern.ie.

Fonte: MSDN

2 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

... in un mondo, quello del Web, che si sta sempre più orientando verso il concetto di applicazione che di sito Internet ... Scrivevo la stessa cosa mesi fa in questo articolo http://blog.html.it/05/08/2013/il-flat-design-non-basta/ eccone un estratto: A mio avviso, per ora, l’unica via al Web 3.0 potrebbe essere quello di pensare un sito web cone un’app. Sì un sito web è come un’app e come tale deve essere concepito. Va da se che il responsive design non avrebbe più senso, anche perchè comunque sia, su certi devices, (smartphone o tablets che siano) anche questa tecnica è assolutamente inadeguata.

sLa
sLa

Internet Explorer ha fatto veramente passi da gigante. Continuo a preferire Chrome per gli strumenti di sviluppo, nonostante le migliorie di questa nuova versione...

Matteo
Matteo