Con BellaVista è possibile modificare facilmente le impostazioni che i sistemi operativi Windows moderni (da XP in poi) tendono a nascondere in un numero variabile di schermate e finestre di dialogo, grazie al fatto che le impostazioni sono state raccolte tutte in un unico luogo e suddivise nelle cinque diverse schede che compongono l’interfaccia del software.

Il programma permette quindi di modificare i parametri della configurazione di boot (BCD) impostando il tipo di debug preferito (tramite porta seriale, USB e quant’altro), le opzioni del salvataggio del contenuto della memoria in seguito a un crash di sistema, le policy per UAC (User Account Control), virtualizzazione di file e registro e tracker degli shutdown, le variabili d’ambiente e i filtri per le stampe di debug.

Disponibile sia in versione a 32 che a 64 bit, BellaVista è in grado di girare su tutti gli OS Windows basati su kernel NT a partire da Windows NT 4.0 in poi. L’uso di un sistema precedente a Windows Vista preclude però l’accesso alla totalità delle funzionalità incluse nel programma.

Via | gHacks

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *