exa, che è una soluzione scritta in linguaggio Rust, utilizza un sistema di colori di default che aiutano l'utente a distinguere i vari tipi di file presenti nella directory. Altra interessante feature è il supporto alla visualizzazione del Git status per le directory associate ad una tree view.

Con exa verranno inoltre visualizzati le filesystem information standard corrispondenti ai file presenti, come l'inode, il numero di blocco, l'utente e il gruppo di appartenenza, la data di creazione o modifica e, ovviamente, il nome assegnato e l'estensione.

exa

Di seguito una rapida guida sulle istruzioni necessarie per installare exa su Linux Ubuntu, è comunque disponibile anche la pacchettizzazione per l'installazione su MacOS:

sudo apt-get install libhttp-parser2.1
wget https://the.exa.website/releases/exa-linux-x86_64-0.7.0.zip 
unzip exa-linux-x86_64-0.7.0.zip
sudo mv exa-linux-x86_64 /usr/local/bin/

Una volta installato il package di exa sarà possibile invocarlo semplicemente digitando la keyword "exa" tramite shell, per avere una lista completa della sintassi e delle opzioni disponibili ci si può rivolgere al manuale completo tramite il comando "exa -help". Vengono supportate unicamente le architetture a 64 bit.

Via Exa

1 CommentoDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Ciao a tutti, forse sarà: exa --help no? Carlo

Carlo
Carlo