Sono molte le idee che possono essere messe in pratica per incrementare le performance e la resa del proprio sito di e-commerce. Dall'aspetto grafico alle modalità di vendita.

Puntare sul mobile

L'acquisto online avviene sempre più tramite dispositivi mobile, bypassando quasi completamente i classici laptop e desktop. È quanto dimostra una recente ricerca di Statista, relativa al mercato statunitense, pronta a sottolineare come le vendite tramite smartphone e tablet siano passate dal 20.2% del 2010 al 68.9% del 2017. Un dato che sottolinea, di conseguenza, come la strategia "mobile first" debba essere scelta quando si ha a che fare con il commercio elettronico.

Il primo consiglio è quello di creare un sito che sia responsive, quindi che disponga di una progettazione che gli permetta di adattarsi automaticamente a qualsiasi dimensione a schermo, nonché a ogni risoluzione. Questa alternativa è ben più caldeggiata rispetto alle versioni specifiche mobile dei siti web, che rimandano l'idea di un'esperienza meno completa rispetto a quella desktop. Ancora, può essere particolarmente utile sviluppare delle applicazioni apposite, da distribuire sui principali negozi digitali come App Store e Play Store.

Video

Una buona strategia per incentivare la curiosità del cliente è quella di presentare i prodotti con un video, anziché ricorrendo alle classiche immagini. Si tratta di un trend già da mesi adottato da molti e-commerce, in particolare quelli dedicati all'universo della moda, poiché permette al consumatore di osservare l'oggetto del proprio desiderio in una condizione d'uso quotidiana, in un ambiente dinamico anziché statico.

Per essere più efficace, la strategia dovrebbe essere mescolata a quelle già esistenti. Prendendo sempre l'esempio di un portale dedicato alla moda, alla scelta di un determinato abito si possono proporre le classiche fotografie - fronte, retro, dettagli e accessori - nonché il video di una modella o di un modello, che mostra come indossare l'outfit prescelto in occasioni di tutti i giorni. Così può valere anche per altre categorie merceologiche, dai dispositivi elettronici ai prodotti per la casa.

Velocità e sicurezza

Nell'era digitale è necessario catturare l'attenzione dell'utente nel minor tempo possibile. Secondo una ricerca condotta da Kissmetrics, ad esempio, oltre il 50% dei navigatori abituali si attende il caricamento di un sito web entro 2 secondi, abbandonandolo in caso l'attesa fosse superiore ai 3.

Ancora, il 79% degli acquirenti online non tornerebbe a comprare su un sito web che ritiene troppo lento per l'esperienza d'acquisto. È quindi necessario investire innanzitutto in traffico e banda, trovando un provider di servizi dall'elevata e certificata qualità. Nonché ottimizzare la progettazione del sito web, affinché le pagine siano leggere, facili da consultare, prive di fronzoli o abbellimenti multimediali che ne potrebbero ostacolare il caricamento.

È altrettanto importante puntare sulla sicurezza, poiché gli utenti temono sempre più truffe e disservizi in rete. È quindi consigliato affidarsi a un intermediario finanziario, quale PayPal, anziché gestire direttamente le informazioni sulle carte degli utenti. Ancora, è necessario rendere sicuri i singoli account non solo imponendo la richiesta di password difficili da forzare, ma anche introducendo degli step di sicurezza aggiuntivi, quali l'autenticazione a due fattori.

Infine, si fornisca una privacy policy chiara e onnicomprensiva, affinché il compratore possa sapere in qualsiasi momento in che modo i suoi dati verranno trattati.

Informazioni precise e micro-interazioni

Per quanto si possa ottimizzare un portale di commercio elettronico, vi sono delle azioni che richiedono comunque una certa attesa da parte del cliente. Si pensi, ad esempio, ai fisiologici tempi di caricamento e verifica dei dati conservati sulla carta di credito, derivati da servizi esterni.

In questi istanti di paziente pausa, il consumatore non deve essere lasciato a se stesso, senza nessuna informazione che lo aiuti a comprendere cosa stia succedendo. È quindi bene inserire dei dettagli in un'apposita finestra - ad esempio "Le informazioni di pagamento sono in corso di verifica" - oppure micro-interazioni come barre di caricamento che suggeriscano al navigatore il tempo mancante per il termine dell'operazione.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *