Il supporto per il plugin NPAPI è una buona notizia per tutte quelle aziende che basano le loro attività sulle tecnologie di Adobe e che adesso non dovranno più offrire un supporto dedicato ai soli utenti delle distribuzioni.

Ma questa "assenza" di 4 anni dal panorama Linux non ha portato quasi nessun problema, infatti sia Firefox che Chrome hanno provveduto ad offrire le loro alternative e i principali siti web hanno già effettuato la migrazione ad HTML5 rendendo di fatto obsoleto Flash.

Inoltre Adobe non ha dei piani precisi per l'introduzione di feature avanzate, come ad esempio la GPU acceleration e Stage 3D, all'interno della versione di Flash per Linux. Dunque la build per le distribuzioni sarà per il momento una versione di "serie B" se la si paragona con quella già disponibile per Windows o per OS X.

Ovviamente non è da escludere che in futuro queste feature arrivino anche nella release per Linux, la scelta di Adobe consentirà agli utenti delle distribuzioni di avere meno problemi con i siti web meno aggiornati che si basano ancora su Flash.

Via Adobe

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *