Quanto riportato da James Edwards in questo post sul blog di SitePoint può essere lo spunto per una proficua discussione.

I fatti. Come tutti sapete esiste un’estensione per Firefox (Adblock Plus) che consente di bloccare la visualizzazione dei contenuti pubblicitari presenti su pagine web. Non so se il box ‘Popular extensions’ presente sulla pagina principale del sito delle estensioni sia una classifica. Beh, Adblock Plus sarebbe l’estensione più scaricata. Il che dice già  molto. Intanto potremmo fare un sondaggino su questo punto: quanti di voi usano questa o soluzioni simili?

Ma andiamo avanti. Per una scommessa, Edwards ha implementato su SitePoint uno script che… sblocca le pubblicità  bloccate da Adblock. Ha postato tutto il codice, ha spiegato pure come sbloccare Adblock contro lo script che lo blocca, ha detto che tra una settimana toglie tutto, etc. Domanda: nello specifico si è trattato di una sorta di esperimento, tutto sommato trasparente visto il post apparso ieri, ma come giudichereste voi il gestore di un sito che per qualunque motivo innescasse una sorta di guerra con gli utenti per difendere la visualizzazione della sua pubblicità ?

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
25 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

Potete utilizzare tutti gli stratagemmi che volete,su firefox con no script configurato a dovere i sistemi anti adblock vengono bloccati. Onestamente a quelli che la pensano come me, degli introiti che ricevete sulle pagine poco ci importa, anzi vi dico di più, ero un frequentatore accanito di alcuni siti, ma da quando sono divenuti un riettacolo di pubblicità li ho proprio eliminati dai preferiti. Avete trasformato il web in uno schifo pieno di pubblicità, esattamente come era la tv nazionale prima che venissero imposte delle regole. io sono un webmaster e programmatore, sto già da tempo sviluppando un plug-in alternativo ad adblock e preparatevi perchè a breve sarà messo in distribuzione e potrete inventarvi ciò che volete.

Gigi
Gigi

Io ho 'bloccato' adblock se entri nel mio sito ti viene chiesto di disattivarlo e riavviare il browser. Non solo internet deve essere gratuito, ma adesso non ci si può nemmeno fare sponsorizzare. Faccio circa mezzo milione di visitatori l'anno senza i due spiccioli di adsense non fornirei più alcun servizio.

giovanni
giovanni

Il punto é che html.it così come altri milioni di siti non potrebbero esistere senza pubblicità  ergo se tutti usassero adblock questo sito e tanti altri non potrebbero esistere (o dovrebbero rilasciare i propri contenuti a pagamento). IMHO adblock andrebbe rimosso.

DarkWolf
DarkWolf

Ciao a tutti, Non sapreste per caso dirmi dove é possibile trovare lo script per evitare il blocking delle adv? grazie in anticipo.

luigi
luigi

Uso adblock praticamente su ogni cosa per i seguenti motivi: - troppa pubblicità  nello stesso sito - pubblicità  invasiva o imposta - riquadri che non mi serviranno mai - pubblicità  non inerente con i contenuti del sito. Quello che cerco lo trovo sempre effettuando una ricerca con google o altri motori, quasi mai per aver cliccato sulle pubblicità ... L'unica fonte di guadagno per molti webmaster é la pubblicità  e quindi cercano di metterne sempre di più perché quella che hanno già  "non paga". Contrastare adblock é semplicissimo: inserire pubblicità  di link testuali non inclusa in riquadri o immagini. Starete pensando "quale sito offre un tale servizio e paga?" Non ne conosco neanche uno... Un mio commento: a volte aprendo la homepage di www.html.it, TUTTA la pagina si annerisce e non ci puoi navigare finché non chiudi la pubblicità  offerta da google (c'é il logo di google sopra la pubblicità ). Non avrei mai pensato che anche html.it avrebbe inserito pubblicità  invasiva fino a questo punto... Ciao ciao

bestdragon
bestdragon

Molto molto interessante! la pubblicità  é spesso l'unica fonte di sostentamento dei siti web. Bloccarla significa far crollare i bilanci delle attività .

PaoloNI
PaoloNI

Attualmente,per vari motivi, non uso alcun blocco della pubblicità  ma non ho alcun problema ad usarlo. Non voglio avere pubblicità  che sarà  ben fatta ma pubblicità  é sempre. L'esperimento sitepoint é solo un esperimento, appunto, un esercizio di programmazione in contraddizione con l'adblock (se mette l'adbloc, poi perché l'annulla anche se solo parzialmente? Non capisco ..... ).

Ratamusa
Ratamusa

@ electro non l'avevo mai pensata da questo tuo punto di vista... Non hai tutti i torti... Però un conto é un banner come quello che c'é qui sul blog di edit (che a me basta per dare fastidio visto dov'é posizionato ma che però approvo visto che non é invasivvo), un altro conto una sfilza di adsense o di filmatini flash o gif animate... Io personalmente odio persino gli ad sense di google. C'é chi ne approfitta e riempie il proprio sito cercando di ingannare chi lo visita per rubargli un click. Il che é una cosa vergognosa.

Paolo
Paolo

per chi ha scritto "Il cliente ha sempre ragione", é da aggiungere che "Il cliente ha sempre ragione quando paga!", dato che utente usufruisce gratuitamente del sito, e l'unico modo in cui l'autore guadagna sono i banner, l'utente non ha in alcun modo ragione! Se non ci fossere i banner, l'utente si potrebbe scordare quei contenuti che se vuole vedere, significa che gli servono, come una qualsiasi persona si può scordare di usufruire di un televisore senza pagarlo. Se non vuoi vedere gli spot vai su un altro sito. RIMUOVERE I BANNER DA UN SITO àˆ COME SE SI "RUBASSERO" I SUOI CONTENUTI!!

Electro
Electro

@saibal Per quanto riguarda l'esempio intendevo che quando scatta la pubblicità  la gente cambia canale per poi ritornare dopo qualche minuto a seguire la trasmissione. Non é un caso che tutte le reti cerchino di sincronizzare le interruzioni pubblicitarie. Ti faccio un esempio più mirato: in USA spopola il TiVo, che non é altro che un harddisk recorder, una delle feature che l'hanno reso famoso era la possibilità  di skippare in avanti di 30 secondi (di preciso non ricordo, ma era la durata standard di uno spot), questo permetteva alla gente di mettere in registrazione un programma, cominciare a vederselo dopo un quarto d'ora dall'inizio e skippare la pubblicità . Uso il passato perché tramite la forza degli avvocati i network televisivi USA sono riusciti a far rimuovere questa feature. Quello che volevo dire é questo: i clienti *non* vogliono la pubblicità , per lo meno di quel tipo, e cercano ogni modo di evitarla, le possibilità  sono quindi due: cercare di imporre ai clienti il proprio volere tramite leggi o artifici tecnici o adattarsi a quello che i clienti vogliono e quindi payperclick, siti ricolmi di informazioni specifiche e un prodotto di qualità . Conosco bene le teorie del social contract violato, ma non credo che criminalizzando l'utente si andrà  molto lontano. I banner come forma di pubblicità  su internet stanno comunque morendo di una lenta agonia, prima si pagava per impression, ora si paga per il click, si sta già  sperimentando il pagamento per l'effettivo acquisto. Il motivo di tutto ciò é che i banner sono sempre più evitati dalla gente, anche da quelli che non usano strumenti tipo adblock, vuoi per l'eccesso che hanno raggiunto in molti casi (alcuni contengono addirittura veri e propri video!), vuoi perché l'utente internet é molto meno passivo di quello televisivo. Per quanto riguarda la frase sul cliente la pensiamo allo stesso modo, te lo assicuro, ma a livello commerciale le due frasi sono identiche temo ;) Mi scuso per la lunghezza del messaggio

Riot
Riot