Grazie alle sue funzionalità avanzate per la ricerca, ClassyShark potrebbe essere utilizzato per rilevare velocemente le cause di malfunzionamenti o comportamenti inattesi da parte delle applicazioni; in sostanza lo sviluppatore avrà la possibilità di visualizzare ciò che viene visto dal sistema operativo di riferimento esattamente nel modo in cui esso lo vede, ciò permetterà di comprendere meglio la struttura e le dipendenze di un APK risparmiando tempo e incrementando la produttività delle sessioni di lavoro.

ClassyShark potrebbe rivelarsi utile per verificare il livello di offuscamento dei dati cruciali per il proprio progetto, per identificare la presenza di interfacce di programmazione (API) nascoste così come per rilevare tutte le dipendenze di un'applicazione, sia quelle per Java che quelle native. Il browser consentirà di visualizzare il contenuto di qualsiasi file classes.dex così come di accedere a package, metodi, classi e stringhe delle App multidex.

Interessante anche la possibilità di adottare questo visualizzatore al fine di scoprire la presenza o meno di librerie native. Una feature dedicata al troubleshooting associabile ad altre funzionalità per la risoluzione dei problemi di esecuzione, come per esempio la visualizzazione dei metodi nativi per classes.dex, dei dynamic symbol e delle dipendenze native.

Particolarmente indicato anche per le fasi di coding e aggiornamento pre e post deployment, ClassyShark potrà essere utilizzato i associazione con jar build system indipendenti dagli ambienti integrati di sviluppo come per esempio RetroBuild, soluzione libera e aperta (anch'essa disponibile tramite il code hostig di GitHub) per l'esportazione di Java Archive che presentano altri jar come dipendenze.

Via ClassyShark

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *