L'anti-Bitcoin mining tool ha il compito di protegge gli utenti dagli attacchi basati sul cryptojacking; i browser Internet infatti possono essere utilizzati anche come strumenti per minare criptovalute, dunque è ovvio che possano diventare il target per utenti malintenzionati decisi a sfruttare abusivamente PC altrui per generare criptovaluta. La funzionalità che protegge dal cryptojacking viene attivata automaticamente, quindi l'utente non dovrà eseguire alcuna configurazione manuale per ritrovarsi protetto anche da questa tipologia di azioni malevole.

Altra novità importante di Opera 50 è l'arrivo del supporto a Chromecast, sarà ora possibile condividere tutti i flussi video in streaming con il device di Google. Tale feature è stata integrata con facilità anche perché Opera è basato su Chromium, quindi avendo una codabase comune per i developer del team è stato possibile implementare il supporto in modo semplice.

Opera-Crypto-Mine-Protection-700x438

Anche Oculus Rift ha ricevuto un supporto dedicato e gli utenti Opera potranno ora sfruttare questo device VR per poter godere dei video girati a 360 gradi che si stanno diffondendo sui principali servizi di video streaming.

Da Opera 50 in poi sarà inoltre possibile salvare delle pagine web in formato PDF, cosi da poterle visualizzare anche offline. Si tratta di una funzione molto utile sopratutto per gli studenti che spesso si ritrovano a dover studiare da dispense online.

Via Blogs Opera

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *