Grubby supporta anche altri boot-loader oltre a Grub, come per esempio LILO, Yaboot, ELILO e Zipl, ed è stato sviluppato in modo da essere usato dagli script con cui si installano nuovi kernel; tramite esso questi ultimi reperiscono le informazioni sull'ambiente di boot.

Grubby è basato interamente su Bash e dispone di funzioni con cui è possibile testare le features disponibili sui diversi ambienti compatibili. Ad iniziare la di discussione sulla possibile migrazione verso grub2-mkconfig sarebbe stato Andrew Lutomirski nella mailinglist di sviluppo di Fedora. In sostanza egli si sarebbe chisto il motivo per cui continuare ad usare Grubby:

"Specifically, these days grub2-mkconfig appears to produce output that's functionally identical to what grubby generates"

A detta di Lutomirski grub2-mkconfig sembrerebbe avere le stesse funzioni di Grubby e dunque si potrebbe utilizzarlo senza problemi, anzi, dal suo impiego dovrebbe derivare anche un miglior risultato finale dando ai developer uno strumento migliore e più versatile. Debian adotta una configurazione simile, dunque Fedora non sarebbe la prima distribuzione a fare un scelta del genere.

Si tratta soltanto di ipotesi, per ora non vi sarebbe nulla di concreto. Per capire se tale proposta avrà effettivamente un seguito bisognerà attendere la decisione del Fedora Engineering Steering Committee, che è l'organo della community che si occupa di approvare o meno queste proposte, ma esso non sarebbe stato ancora interpellato in merito alla questione.

Via Fedora Project

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *