Anche perché i contenuti liberi dei blog sembrano non avere scampo, in un mondo in cui Steve Jobs è il nuovo diavolo e e strizza l'occhio a Murdoch nella Santa Alleanza contro la distribuzione gratuita e indipendente di informazione.

La parola copyleft è sopravvissuta qualche annetto e ha spaventato pareccchio. Troppo. Purtroppo. Mi sembra una scenario da medioevo digitale, o sono catastrofista?

12 CommentiDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

[...] Gabriele Romanato in Div centrati con jQueryAndreas in Div centrati con jQueryMattia in Div centrati con jQueryAndreas in Div centrati con jQueryPiccoloSocrate in Quando i contenuti non saranno più testuali [...]

Safari 5 e il web da leggere | Edit - Il blog di HTML.it
Safari 5 e il web da leggere | Edit - Il blog di HTML.it

Al di là  del "relativismo del supporto" (ad ogni strumento il suo supporto) la tendenza generale é quella di cambiare gradualmente. Cambierà  (col tempo) anche il modo stesso di usare i soliti strumenti per le consuete attività . :D

PiccoloSocrate
PiccoloSocrate

@Stefano Gorgoni Ripropongo la tua domanda con la stessa espressione basita. Yuri

Yuri Morini
Yuri Morini

àˆ molto giusto porsi il problema.

Μαύρον
Μαύρον

Vorrei ricordare che noi stiamo commentando un contenuto testuale!!!

Francesco
Francesco

@ Stefano Gorgoni dipende dall'argomento: se la tematica é relativa al campo della grafica e fotoritocco un videocorso é molto più esplicativo ed immediato di quanto non possa essere un ebook o un manuale. Certo é che non mi sognerei mai di studiare un linguaggio di programmazione via videocorso perché, come sottolineato da Gianluca, un pdf permette di memorizzare le informazioni con tempistiche molto personali. Quello che mi ha sempre incuriosito dei videocorsi di programmazione é piuttosto vedere che tools usa il "tutor", come si muove e districa tra le operazioni. Concludendo: ad ogni problema il proprio strumento , non esiste la ricetta universale.

coppermine
coppermine

@ Scorza io opto per il medioevo digitale... almeno per quanto riguarda il contenuto testuale... non é che nessuno legge fino in fondo... é che l'offerta non merita di essere letta fino in fondo... ecco (anche) perché uno si ferma... in realtà  al testo sul web manca ancora taaanto... niente in contrario alla nebulosa informativa (quando siamo di fronte a due righe di news che rimandano ad altre news che rimandano a video e ad articoli di gionale che rimandano a...), ma il contenuto testuale é un'altra cosa... @ Stefano Gorgoni magari la pensassero così... la verità  é che nessuno ha voglia di studiare (né manuale né videocorso)... c'é questa idea dell'autoapprendimento delle nuove tecnologie... e poi il livello rimane quello di Word... che tutti lo sanno usare (male) senza averlo mai studiato...

EsseZeta
EsseZeta

ma davvero qualcuno pensa che un video corso sia meglio di un manuale in pdf? O_o

Stefano Gorgoni
Stefano Gorgoni

@Mattia sì: proprio come i telegiornali. Se poi vuoi l'approfondimento(testuale)...paghi. Non credo che il modello Murdoch/Jobs si discosti poi molto...;-)

Massimiliano Scorza
Massimiliano Scorza

Concordo con Gianluca: la parola d'ordine non é "soppiantare", ma "transmedialità ". Lost forse é l'esempio più lampante.

Gio
Gio