Ogni anno l'appuntamento è ispirato ad un tema particolare: il primo anno era legato strettamente al passaggio dell'informatica da materia per pochi eletti a scienza per tutti, il secondo è stato focalizzato sull'influenza dell'informatica in ambito artistico, quest'anno la manifestazione avrà come tema "Musica e scrittura. Come l'informatica ha influenzato la produzione e la fruizione di musica e testi.". Si parlerà quindi di come i computer hanno aiutato i compositori a trovare nuove vie per trasformare i loro pensieri in musica e di come l'intelligenza artificiale viene usata sperimentalmente per produrre musica.

L'argomento di quest'anno lega l'evento al Salone Internazionale del Libro e "A bit of [hi]story" è entrato a far parte degli eventi del Salone OFF, viene inoltre mantenuta l'adesione alle Settimane della Scienza organizzate da CentroScienza Onlus che collabora con il Museo Piemontese dell'Informatica. Altra novità è invece l'adesione all'Arduino Day, evento dedicato alla nota single board di Massimo Banzi per il quale è stata avviata una collaborazione con il Linux e Arduino User Group di Pinerolo, l'Arduino User Group di Torino e ilFabLab Torino.

Al festival parteciperanno relatori di fama nazionale e internazionale che presenteranno interventi su argomenti legati alla storia dell'informatica, all'imprenditoria del videogaming e alla cultura digitale. Tra gli altri:

  • Yves Bolognini (Musée Bolo di Losanna), Svetozar Nilovic (Peek&Poke Museum di Fiume) e Marc Weber (Computer History Museum di Mountain View) parleranno di museologia dell'informatica e del suo impatto positivo sul territorio.
  • Floriana Ferrara, membro del Team per la Trasformazione Digitale del Consiglio dei Ministri, illustrerà novità in ambito PA con riferimenti ai progetti di inclusione per ragazze.
  • Emilio Cozzi, giornalista di Wired e Il Sole 24 Ore, parlerà di industria del gaming e di quanto essa sia importante per la ricerca.
  • Francesca Anzalone, esperta di comunicazione e digitale analizzerà le contaminazioni tra informatica, musica e scrittura.
  • Riccardo Sinigaglia, docente del Conservatorio di Milano e produttore musicale, parlerà dell'influenza della tecnologia nella composizione e produzione.

Programmato anche un fitto programma con laboratori di avvicinamento all'informatica, al coding e alla robotica. Previsti due laboratori per sabato mattina: uno di elettronica (a cura di esperti di AICA) e uno di videoproduzione (a cura di Rec-TV che presenterà un suo kit). Pomeriggio con il CoderDojo, movimento non-profit per l'apprendimento del pensiero computazionale e il problem solving anche per i più piccoli, che proporrà laboratori gratuiti di 3 ore durante i quali apprendere basi di informatica.

La domenica sarà invece dedicata alla robotica con laboratori per la realizzazione di robot con componenti riciclate e con un laboratorio organizzato da Comau che presenterà il suo nuovo robot e.Do.

L'evento, che ospiterà anche un'esposizione di computer d'epoca e un DJ set con musica elettronica a 8 bit gestito da Fabio "Kenobit" Bortolotti, è totalmente gratuito. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale d i A bit of [hi]story.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *