Sia Verizon che Actiontec, in particolare, erano state già contattate a tal riguardo un mesetto fa, ma solo Actiontec aveva risposto all´appello, mentre Verizon aveva ignorato la richiesta di onorare i dettami della licenza. Sia gli sviluppatori di BusyBox, sia lo studio legale ci tengono a fare sapere di non mirare ai soldi degli inadempienti: secondo quanto dichiarato da Rob Landley, uno dei creatori del software, l´unico intento è far rispettare la Gnu Public License.

Per quanti non lo sapessero, BusyBox è una miniaturizzazione dei comandi e delle utility base di un sistema Unix, che racchiude in un unico pacchetto tutto il necessario per un utilizzo embedded. E considerando il gran numero di dispositivi, non ultimi proprio i router, che usano un kernel Linux accessoriato da BusyBox probabilmente questa non sarà l´ultima volta che la GPL viene portata in aula.

CommentaDi' la tua

Il tuo indirizzo email non sarà mostrato pubblicamente. I campi obbligatori sono contrassegnati da *